24.3 “Benfica-Torino 4-3″ alla Festa do Cinema Italiano

Grande Torino

Grande Torino benfica lisbonaAspettavate una domenica di sole da mesi e ora che è arrivata non sapete cosa fare? Avete finito la serata all’After Bali poche ore fa e non vi spiegate perché sulla rubrica del vostro telefono ci sono 6 nuovi numeri associati a nomi inspiegabili? Oppure siete così malati di calcio che se per una domenica non c’è il campionato vi contorcete per la mancanza?

In ogni caso, oggi a 8 ½ Festa do Cinema Italiano c’è “Benfica-Torino 4-3″, un documentario di Andrea Ragusa e Nuno Figueiredo che narra le gesta della mitica squadra del Grande Torino e la sua ultima partita a Lisbona, un’amichevole col Benfica. E’ il 3 maggio 1949, la spettacolare partita finisce 4-3 e sarà ricordata come l’ultima della mitica squadra granata, che il giorno successivo sulla via del ritorno verrà fermata dalla tragica strage di Superga, in cui tutta la squdra perse la vita in un incidente aereo.

Sui campi verdi di questa terra non è ancora arrivata una squadra capace di eguagliare quel mito sportivo, un fenomeno unico nella storia del calcio. Il Grande Torino era un sogno capace di vincere ogni competizione, di stracciare ogni record, di ribaltare le partite nel celebre quarto d’ora granata, di fornire 10 giocatori su 11 alla nazionale (a parte il portiere), di rivoluzionare il calcio italiano e mondiale. Quelle gesta rimarranno scolpite nell’olimpo degli dei del pallone e nei cuori di ogni appassionato di sport.

Oggi alle 15h15 al Cinema São Jorge, Benfica-Torino 4-3, con la presenza dei giocatori di quel Benfica. Voci di corridoio parlano anche dell’arrivo del grande Eusébio, o Pantera Negra.

3 Comments on "24.3 “Benfica-Torino 4-3″ alla Festa do Cinema Italiano"

  1. Il Toro ha davvero spaccato in quegli otto anni:
    Cinque scudetti consecutivi, la sola squadra riuscita ad eguagliare il primato precedentemente stabilito dalla Juventus.
    Mi chiedo cosa debbano aver provato i giocatori in quei leggendari “quarti d’ora granata”, quando l’avversario non sembrava loro più temibile e la squadra, giocando al di sopra delle proprie capacità, riusciva a chiudere i giochi praticamente in quei 15 minuti.

    Ho visto un bel film dedicato alla storia del Grande Toro, alle sue impareggiabili prestazioni nelle tante partite disputate, e anche di quella che fu la sua ultima partita giocata a Lisbona..
    Il documentario parlerà senz’altro di questo grande fenomeno calcistico con racconti dettagliati ed esaustivi e con immagini e filmati originali.

    Di sicuro questi eroi del calcio avrebbero continuato a vincere se non fosse sceso in campo il destino più tragico a fermarli..
    Ad ogni modo questa squadra di grandi campioni, apparterrà per sempre alla leggenda del calcio italiano e non solo.

    Ed è Goal!!

  2. C’è un’inesattezza: quello non era il Benfica “di Eusebio”, che all’epoca aveva 9 anni e cominciò a giocare nelle file del Benfica solo nel 1960.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*