Adamastor, il miradouro di Santa Catarina

adamastor miradouro santa catarina lisboaL’Adamastor è il miradouro di Santa Catarina, uno dei terrazzi più popolari di Lisbona. Da questo palco affacciato sul Tejo si possono ammirare le piccole navi lontane confondersi con i riflessi del fiume, mentre si avvicinano al Ponte 25 de Abril come attratte da una calamita sommersa. Ma questo luogo etereo è molto più di un miradouro.

L’Adamastor proietta immediatamente in una dimensione spirituale superiore e come un potente allucinogeno avvolge con un velo soffice l’intera gamma della percezione. Da questo spazio sospeso nell’irreale l’esistenza diviene fluida e trasparente e assume un colore diverso, rarefatto dalla luce del Tejo. L’Adamastor è un punto di vista privilegiato sull’azzurro dorato, un salotto intimo aperto a chiunque, un ritrovo per nomadi e vagabondi della vita. Tra il prato incolto e i tavolini del chiosco si aggirano personaggi furtivi, poeti maledetti, fricchettoni anacronistici, creste punk cementificate, cani randagi, chitarre scordate, echi di bottiglie che si svuotano, accendini che si illuminano, sigarette che vengono scroccate, ragazze che vengono baciate. Se dio volesse bersi una birra osservando il tramonto verrebbe senza dubbio qua.

Questo angolo di mondo è una porta dimensionale, la soglia tra il mondo finito e quello infinito, che obbliga a proiettarsi altrove, non importa dove, ma sempre verso mete irraggiungibili e spesso inesistenti. È per questa ragione che in mezzo al terrazzo c’è una statua di pietra, costruita per ricordare a tutti che ci si trova al centro di un passaggio decisivo. La figura imponente rappresenta appunto Adamastor, un mostro terribile e possente che incarna le tempeste e i pericoli affrontati dai naviganti portoghesi durante i loro viaggi. La statua ammoniva i marinai che lasciavano il Tejo per inoltrarsi nell’Atlantico, segnando il passaggio tra acque sicure e pericoli mortali, così come oggi ricorda alle anime perse di non naufragare nelle tempeste della propria mente. E se si osserva il ponte illuminato dalle luci notturne, il piacevole rischio di perdersi si avvicina come un’onda lontana.

Non si può parlare dell’Adamastor senza ascoltare Mick M*********a Mengucci e la sua perla Adamastor Elevador:

Mappa Miradouro Santa Catarina

Condividi:

 

\ \ \

4 risposte a Adamastor, il miradouro di Santa Catarina

  1. Grande sound italo-afro-tuga do Mick Mengucci!
    Estourou!
    E alivia a nossa dor!

  2. grazie a te, maestro Canello! :)

  3. Nomadi e vagabondi hanno trovato qui un posto speciale, un luogo in cui perdersi per ritrovarsi..

    La luce che illumina il ponte di notte di colori meravigliosi, è così dolce e magica da far commuovere le stelle…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>